TAGLIATELLE DI ALBUMI PROFUMATE AL LIMONE

Sapete cosa amo di più delle feste?? Che si cucina e si mangia, si cucina e si mangia, si cucina e si mangia fino allo sfinimento! Le feste sono fatte proprio per mangiare no?

Sono solita proprio per queste occasioni, preparare qualcosa in più, porzioni più abbondanti, non perché mi piace sprecare il cibo anzi tutt’altro, adoro riscaldare il cibo che avanza! Detto in un’altro contesto “la minestra riscaldata” non è proprio qualcosa di buono, nel senso prettamente letterale io la trovo una cosa fantastica! La pensate come me? Soprattutto adoro la pasta del giorno dopo, lasagne, pasta fresca, pasta al forno… riscaldata, che crea quella crosticina super golosa buona da impazzire! Io credo che la pasta riscaldata sia più buona. Gli schizzinosetri storceranno il naso, ma resto ferma e con i piedi puntati su questa affermazione.

Restando in tema di pasta ( che poi è la ricetta ), voglio condividere un’idea sfiziosa che faccio spesso quando ho albumi che mi avanzano. Ebbene sì non faccio solo Pavlova , Meringhe o Brioche di albumi , ma faccio spessissimo anche la pasta fresca . L’avete mai assaggiata?? Una bomba ve la stra consiglio. Più delicata della classica pasta all’uovo, più pallidina ma super super buona!

Come per la classica Pasta all’uovo , anche la pasta di albumi ha una formuletta matematica ben precisa.

Per ogni 100 gr di albumi si utilizzano 200 gr di farina, e la ricetta è presto che fatta.

Potete utilizzare la stessa farina o fare metà farina 0 e metà di semola.

L’ho profumata con la scorza di limone che la rende fresca, con una nota pungente e davvero buonissima.


INGREDIENTI :

  • 100 gr di farina 0 oppure 00
  • 100 gr di semola di grano duro
  • 100 gr di albumi
  • Scorza di un limone

PROCEDIMENTO :

  1. In una ciotola mettete le due farine, fate un buco al centro.
  2. Sbattete leggermente gli albumi con una forchetta e aggiungeteli nel buco insieme alla scorza del limone.
  3. Mischiate fino ad ottenere un composto omogeneo.
  4. Coprite con un canovaccio e lasciate riposare per circa 30 minuti.
  5. Riprendete l’impasto , stendetelo con il mattarello o con la macchina per la pasta, formate dei rettangoli, arrotolatelo senza schiacciarli e tagliate delle strisce della larghezza che preferite. Srotolatele e lasciatele sulla spianatoia per farle leggermente seccare.

Leggi anche come fare la Pasta fresca senza uova .
Potrebbe anche interessarti come fare gli Gnocchi ripieni .
SE PROVI LE MIE RICETTE, INVIAMI LE TUE FOTO SU INSTAGRAM@RAMONA_STORIEDICUCINA , TAGGAMI E USA L’HASHTAG #RAMONASTORIEDICUCINA, IO SARÒ FELICE DI PUBBLICARLE NELLE STORIES.
SCHIACCIA QUI PER VEDERE LE RICETTE RIFATTE DA VOI. LE TROVI NELLE STORIE IN EVIDENZA SU INSTAGRAM NELLA SEZIONE – RIFATTE DA VOI –

Correlati

Frittelle ai broccoli o zeppole senza lievitazione, tu come le chiami? Hai mai provato le zeppole o le frittelle salate? Oggi ho deciso di preparle...

La crema di castagne e cioccolato pià golosa, una crema con castagne e cioccolato che ti sorprenderà. La mia nota passione per le castagne, non mi...

Spaghetti alla puttanesca- la storia e la ricetta degli spaghetti alla...